Per Lisa Ardita

Partecipazione di Diving in Elba a Marepulito 2019

Si é conclusa oggi la giornata di pulizia delle spiagge di Marepulito 2019 arrivati ormai alla settima edizione, siamo contenti di dire che le scuole, i comuni e gli stessi diving center del CED partecipano sempre più numerosi a questa iniziativa. Circa 1000 tra studenti insegnanti, volontari, subacquei , rappresentanti di varie associazioni e istituzioni hanno partecipato oggi a questa giornata di pulizia. Il risultato è la raccolta di circa 1800 kg di rifiuti fra cui i più bizzarri sono stati trovati dai subacquei...corpi morti artigianali abbandonati, sedie sdraio, cime e attrezzi da pesca persi ma soprattutto sopra e sotto l'acqua il più rappresentato dei rifiuti è stato la plastica in tutte le sue forme.

Cos'è Marepulito 2019?

Marepulito è una manifestazione annuale organizzata dal CED (di cui il Diving in Elba è un associato attivo) a partire dal 2012, che vede come attori principali i bambini delle scuole primarie e scuole secondarie di primo grado del territorio elbano, ma che coinvolge anche i Comuni, l’ESA, il PNAT e le forze dell’ordine..

Tema centrale è diffondere il messaggio NOI SIAMO I CUSTODI DEL FUTURO DEL NOSTRO PIANETA attraverso interventi a scuola e pulizie della spiaggia.

La manifestazione prevede un incontro preliminare a scuola, in cui vengono brevemente spiegate agli studenti le motivazioni di questa manifestazione e alcune nozioni di base, per poter distinguere ciò che naturalmente compone una spiaggia, da ciò che invece è arrivato a causa dell'attività umana e da una pulizia delle spiagge, durante la quale le classi che aderiscono all'iniziativa sono invitate a raggiungerci sulle spiagge più vicine ai loro istituti. Qui verranno accolti da i soci del CED e dai volontari, per poi essere indirizzati alle varie zone/stand dove ritireranno i sacchi e i guanti per la raccolta dei rifiuti spiaggiato.

Perché è così importante

Vivere su di un'isola, per giunta bella e conservata come l’Elba, è un privilegio che abbiamo e non dobbiamo dimenticare di ringraziare ogni giorno per questo. Non solo abbiamo delle coste meravigliose, che portano migliaia di turisti in vacanza da noi per godere di quello che noi fortunati possiamo avere tutto l’anno, ma anche i fondali che la circondano sono ricchi di vita e coloratissimi nonostante la mancanza di protezione.

Spesso tendiamo a dare per scontato quello che di bello ci circonda, ma purtroppo non è così... le nostre coste sono minacciate dall'inquinamento anche se ancora si mantengono bene. Proprio per questo è importante agire subito per tutelare quello che per noi è un tesoro per la nostra salute e per quella dell’ambiente, senza tralasciare l'enorme valore economico di questa risorsa.

Il CED

Il CED è un associazione di diving center che operano sul territorio dell'isola d'Elba, vivendo e lavorando sopra e “sotto” questo meraviglioso territorio e per la natura stessa del nostro lavoro, non possiamo che amare il mare. Organizzare un evento come Marepulito per noi un modo per ripagare il mare per tutto quello che fa per noi. il messaggio “noi siamo i custodi del nostro pianeta” ci sta molto a cuore perché la vera soluzione dell’inquinamento del mare e dell’ambiente in generale sta nelle scelte che facciamo tutti i giorni decidendo di conferire correttamente i rifiuti ma anche, riducendo i nostri consumi, riutilizzando quello che abbiamo, riparando ciò che è rotto ed in fine riciclando quello che non è più utilizzabile.

Il fine di Marepulito non è solo quello di raccogliere rifiuti che altrimenti rimarrebbero nell’ambiente, ma anche quello di rendersi conto di quale è lo stato attuale di conservazione delle nostre coste. Toccare con mano l'abbondanza di vita, ma anche la presenza di rifiuti non è come leggerla su un libro o vederla in televisione e non può lasciare indifferenti.

Citizen Science

Quest’anno per rendere questa esperienza ancora più incisiva abbiamo introdotto due novità: un contest formulato per far riflettere i partecipanti sugli aspetti più importanti della giornata di pulizia e, per gli studenti delle secondarie di primo grado, la possibilità di contribuire al miglioramento del quadro generale di conservazione delle nostre coste partecipando ad un’attività di citizen science proposta dal Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano.

Evento plastic free

Per dare il buon esempio, e perché ormai i tempi lo impongono, l’intero evento sarà plastic free grazie alle borracce fornite dal PNAT a tutti i partecipanti e alla Passione Espresso srl che fornisce l’acqua sotto forma di fontanelle con boccioni a tutte le spiagge.

Con questa manifestazione certamente non pensiamo di risolvere tutti i problemi ambientali ma siamo sicuri di essere una piccola goccia importante che sta formando un’onda inarrestabile verso uno stile di vita sostenibile condiviso da tutti.

Per Lisa Ardita

SEI QUELLO CHE MANGI

Come trovare sott'acqua quello che cerchi sapendo cosa mangia!

Molti si stupiscono della bravura di alcune guide nel trovare ad ogni immersione nudibranchi e altre creature marine molto apprezzate dai fotografi. Beh sappiate che non si tratta di magia, sesto senso o altre diavolerie ma di conoscenza approfondita del punto di immersione e delle abitudini di vita degli organismi di cui si va in cerca.

Leggi tutto

Per Lisa Ardita

La posidonia non è un alga!!!

LA POSIDONIA OCEANICA NON è UN ALGA!

Avete presente in Peter Pan quando dice “Ogni volta che un bimbo dice: ‘Io non credo alle fate’, c’è una fatina che da qualche parte cade a terra morta.” Ecco quando qualcuno chiama la Posidonia oceanica alga, in qualche parte del mondo, a un biologo marino viene il mal di pancia…probabilmente a quello che si trova più vicino a voi mentre dite la suddetta cosa. Per favore perdonatelo se a quel punto si avvicinerà e proverà a spiegarvi perché tale affermazione è tanto sbagliata (lo stesso vale anche quando ordinate polipi al ristorante!). Lo so che tutti pensate che in mare ci siano solo le alghe a fare la fotosintesi ma invece no!

La Posidonia oceanica NON è un alga ma una pianta.

Leggi tutto

Per Lisa Ardita

Immersioni a Pianosa

La gestione delle immersioni a Pianosa

Le immersioni possibili all’Isola di Pianosa sono attualmente 4 su altrettante boe dedicate esclusivamente all’ormeggio delle imbarcazioni diving autorizzate.
Ci sono altre 2 boe che potrebbero essere aperte nel corso della stagione 2017 e che si trovano vicine ad un sito archeologico subacqueo di estremo valore.
Tutte le immersioni si trovano sul lato est dell’isola ovvero quello del centro abitato, si possono vedere molto bene sulla cartina sotto riportata. Si tratta in tutti i casi di secche quindi formazioni rocciose che dal fondo risalgono verso la superficie.

La descrizione delle immersioni si trova nella SEZIONE IMMERSIONI ISOLA DI PIANOSA del nostro sito. Leggi di più “Immersioni a Pianosa”